Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazionicookies
Skip to main content

IL SOGNO DI VITRUVIO, il nuovo graphic novel di Michele Petrucci

Il prossimo 25 novembre 2021 esce, presso l’editore saldaPress, IL SOGNO DI VITRUVIO, il nuovo graphic novel di Michele Petrucci, una storia che ruota attorno alla figura di Vitruvio e al mistero che circonda il lavoro e il pensiero del celebre architetto romano. Si tratta di un singolare omaggio, disegnato dalla felice matita del fanese Petrucci, al cittadino fanese più importante della storia, Vitruvio, e nasce grazie ad un progetto del Centro Studi Vitruviani che ne ha anche reso possibile la pubblicazione con la collaborazione del Comune di Fano, Assessorato alle Biblioteche e della Banca di Credito Cooperativo di Fano. Oltre all’attività scientifica il Centro Studi Vitruviani ha promosso infatti anche varie iniziative di divulgazione della figura e dell’opera di Vitruvio e oggi lo fa con questo fumetto, originale e stimolante.
E’ noto a tutti che Vitruvio è l’autore dell’unico trattato di architettura giunto fino a noi dall’antichità, il De Architectura, un testo importantissimo sia sul piano storico che culturale, fondamentale riferimento per grandi artisti, dal Rinascimento ai giorni nostri, tra cui Leonardo Da Vinci, Raffaello, Bramante, Francesco di Giorgio Martini, Leon Battista Alberti, Andrea Palladio, fino a Le Corbusier e molti altri ancora. Un testo fondamentale per la cultura e la civiltà occidentale.
Ugualmente noto è il fatto che nella città di Fano si trovano proprio i resti della Basilica, l’unico edificio progettato e costruito da Vitruvio, da lui descritto nei minimi dettagli. Tante sono le ipotesi riguardanti l’ubicazione di questi resti e Livio, il protagonista della storia, dovrà confrontarsi con esse per arrivare a fondo di una sua personale ossessione che lo lega alla Basilica e al suo costruttore. IL SOGNO DI VITRUVIO è un’indagine dal taglio fantastico che mescola in modo originale archeologia e storia dell’arte, unendo i punti di un affascinante mistero che attraversa il tempo.
La bella storia scritta e disegnata da Michele Petrucci si avvale della supervisione storiografica e di un interessante approfondimento sulla figura di Vitruvio da parte del Centro Studi Vitruviani, a firma di Daniela Amadei, che arricchisce e chiude il volume.

IL SOGNO DI VITRUVIO, il nuovo graphic novel di Michele Petrucci

“Sono molto grato a Michele Petrucci - dice Dino Zacchilli, presidente del Centro Studi Vitruviani - per aver raccolto il nostro invito a scrivere e disegnare una storia originale ed inedita, dedicata a Vitruvio. Anche questo libro a fumetti, con la postfazione di Daniela Amadei, contribuirà così a diffondere la conoscenza e a promuovere, anche tra i più giovani, la figura e il pensiero di Vitruvio e il suo speciale rapporto con Fano. Ringrazio il Comune di Fano, Assessorato alle Biblioteche, e la Banca di Credito Cooperativo di Fano, per aver sostenuto il nostro progetto e saldaPress per la bella edizione.”
"Sono particolarmente soddisfatto – aggiunge Samuele Mascarin, Assessore alle Biblioteche - che il Comune di Fano possa contribuire a questo progetto con il Centro Studi Vitruviani e la BCC per generare nuovo interesse e conoscenza su Vitruvio. Questo libro rappresenta in sintesi l'unione di due dei mandati principali del Sistema Bibliotecario, la promozione della lettura e la trasmissione della memoria, per questo lo abbiamo sentito subito affine e lo riteniamo di grande valore. In particolare la forma letteraria del fumetto ci permette di raggiungere il pubblico dei giovani, ma, sono sicuro, non trascura il pubblico adulto che ne sarà attirato, visto lo spessore e la bravura dell'autore, Michele Petrucci."
“Come banca del territorio – afferma Romualdo Rondina, presidente della BCC di Fano - siamo da sempre attenti e sensibili alla cultura e alla valorizzazione dei beni monumentali e dei personaggi che hanno reso grande questa città. Custodire la memoria e tramandarla ai posteri significa mantenere vive le basi su cui costruire sviluppo, armonia, benessere, economia etica, sana e concreta. Senza storia non ci può essere futuro. Per questo siamo grati al Centro Studi Vitruviani e all’artista Michele Petrucci per aver voluto raccontare il personaggio di Vitruvio attraverso un linguaggio particolarmente adatto anche ai bambini e ai giovani: così facendo, la memoria potrà essere tramandata già in tenera età per diventare patrimonio culturale dei cittadini adulti di domani”.