Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazionicookies
Skip to main content

Incendio Profilglass: nessuna conseguenza per i cittadini

Fano, 23 aprile 2021 - “A seguito dell’incendio all’azienda di Bellocchi della scorsa settimana, i dati analizzati dall’Arpam successivamente all’evento accidentale, non hanno mostrato anomalie”. Lo annuncia l’assessora all’Ambiente Barbara Brunori che, sulla base delle analisi svolte da Arpam per indagare sull’impatto ambientale collegato alle fiamme divampate alla Profilglass, intende tranquillizzare la città di Fano.

Dalle indagini condotte dall’Arpam, sia sulla qualità dell’aria sia sulla qualità delle acque non è emersa nessuna criticità

 

Incendio Profilglass: nessuna conseguenza per i cittadini

Brunori si riallaccia ai primi riscontri emersi dalla stazione di Via Filippini che “non hanno mostrato una variazione significativa di polveri sottili e dei suoi precursori, poiché la corrente d’aria registrata era opposta a quella della nuvola di fumo”.
Prima di commentare i risultati dell’Arpam, Brunori precisa il fatto che “tiriamo un sospiro di sollievo. La città e i cittadini possono stare tranquilli dato che l’incendio non ha provocato effetti o conseguenze tossiche”. E proprio sui controlli effettuati dall’Arpam, l’assessora declina le fasi: “Il campionamento è avvenuto con l’installazione di due campionatori a fiale di carbonio: il primo è stato posizionato dalle 19 alle 22 del giorno in cui è avvenuto l’incidente e un altro dalle 22 fino alle 10 del giorno successivo. I risultati analitici forniti dal laboratorio hanno evidenziato, dal punto di vista qualitativo, una presenza di inquinanti normalmente presenti in atmosfera in contesti ambientali similari. Invece, in riferimento alle sostanze volatili superiori al limite di tracciabilità, è lecito affermare che non vi siano rischi da inalazione. Inoltre, sono state analizzate le acque che scorrono in mezzo allo stabilimento stesso e nei suoi pressi. Le indagini, focalizzatesi sia sul Fosso di Carrara che raccoglie le acque meteoriche sia sul Canale Albani a cui si immette il predetto avvallamento, non hanno palesato criticità”.