Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazionicookies
Skip to main content

Seri ospite dell'incontro annuale del 'Fano Club', promosso dalla “Armstrong Browning Library” dell’Università di Baylor

Fano,  17 maggio 2021 - “Questo legame che ci unisce al patrimonio culturale e storico della nostra città rappresenta un faro che va alimentato per costruire un futuro che deve poggiare sul nostro splendido passato”. Così il sindaco Seri durante il suo intervento all’interno dell’incontro annuale del 'Fano Club', promosso dalla “Armstrong Browning Library” dell’Università di Baylor, situata a Waco in Texas (USA). Il Fano Club fu fondato nel 1912 da William Lyon Phelps, dell’Università di Yale, e nel 1943 passò al professore di Baylor A.J. Armstrong. Entrambi gli studiosi, infatti, ripercorsero le tappe del viaggio fatto nel 1848 dal poeta Robert Browning a Fano, dove nella Chiesa di Sant’Agostino vide il capolavoro del Guercino, L'Angelo Custode, in onore del quale scrisse l'omonima poesia, che viene letta dal più giovane membro del Fano Club all'incontro di ogni anno.

Collegato via Zoom dal Museo Archeologico e Pinacoteca del Palazzo Malatestiano di Fano, proprio davanti all’opera del Guercino, Seri ha voluto condividere la soddisfazione di “partecipare per la prima volta all’incontro annuale del Fano Club. Un club che nel tempo ha riunito tanti amanti e cultori della splendida opera d'arte di proprietà della Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola esposta qui, nella Pinacoteca del Palazzo Malatestiano: l'Angelo Custode dipinto dal Guercino che potete vedere alle mie spalle. Ringrazio la Biblioteca e il Museo Armstrong dell’Università di Baylor perché dal 1943 fanno conoscere la poesia di Brawning e l’opera del Guercino che l’ha ispirata e, conseguentemente, anche il patrimonio artistico della città di Fano nel mondo”. Seri poi ha sottolineato la bontà delle finalità promosse dal Club “per le sue opere meritorie di sostegno al nostro territorio durante la Pandemia, come la raccolta fondi ‘Aiutiamo gli Ospedali delle Marche’ per acquistare un respiratore. “So che l’iniziativa è stata segnalata da un membro del Club che vive a Fano, il quale si è speso per arginare la gravità delle condizioni in cui si trovava la nostra Regione in quel periodo”. Dopo un confronto sul valore storico della città di Fano che conserva importanti resti della sua fondazione in epoca romana, ma anche splendidi monumenti dell’epoca medievale, rinascimentale e moderna, Seri ha lanciato una proposta accolta all’unanimità dai membri del Club: “Vorrei organizzare un incontro dedicato al Fano Club nel 2022 qui a Fano, mentre nel 2023 sarebbe bello poterci incontrare a Waco, alla Biblioteca Armstrong Browning dell’Università di Baylor. Una modalità che ambisce a rafforzare il legame tra la nostra città e il vostro Club, mantenendo un rapporto costante e continuo, finalizzato a valorizzare il nostro patrimonio artistico”.